Capire le certificazioni dei tessuti

08 Maggio 2021 • Filed under sostenibilità

Le certificazioni tessili sono una giungla.
Una delle ragioni della confusione che vi regna è che non riguardano tutte gli stessi aspetti: produzione biologica, consumo di energia, inquinamento, salute e sicurezza sul posto di lavoro e dei consumatori … ci sono MOLTISSIMI elementi da considerare.

In questo post vi elencherò alcuni dei più noti e come funzionano.
Spero che questo possa rendere un po’ più chiaro il vasto e difficile mondo della certificazione tessile.

OEKO-TEX STANDARD 100

Ogni componente di questo articolo, cioè ogni filo, bottone e altri accessori, è stato testato per sostanze nocive e che l’articolo quindi è innocuo per la salute umana.”

✓ sicurezza dei consumatori
✓ prodotto finito

✗ materiale biologico
✗ processo sostenibile

Questa è la certificazione del lino che utilizzo.
Trovo che sia sufficiente poiché il lino proviene dalla Lituania, un paese con elevati standard di sicurezza e benessere per i lavoratori.
Inoltre, la pianta lino di solito ha bisogno di meno pesticidi rispetto ad altre colture.

BLUESIGN

“Garantisce un approccio unico per minimizzare l’impatto ambientale durante il processo di produzione […] le sostanze e le materie prime applicate vengono controllate prima di essere utilizzate in una catena di produzione.
[…] Si applica prima della produzione. Ciò significa che fornitori, produttori, rivenditori, marchi di moda devono sottoporsi a test rigorosi per verificare la conformità […]
[…] Riduce l’impatto ambientale sull’intera filiera tessile […] fornisce una soluzione efficiente […] valutando le sostanze chimiche utilizzate nelle varie fasi di lavorazione.

Riguarda quindi questi aspetti:

  • Produzione e risorse utilizzate
  • Sicurezza dei consumatori
  • Sicurezza e salute sul lavoro
  • Consumo di acqua / energia
  • Controllo delle emissioni atmosferiche

✓ sicurezza dei consumatori
✓ prodotto finito
✓ processo più sostenibile

✗ materiale biologico
✗ salario equo dei lavoratori

GOTS

“… definire requisiti riconosciuti a livello mondiale che assicurino lo stato biologico dei tessuti, dalla raccolta delle materie prime, attraverso la produzione responsabile dal punto di vista ambientale e sociale fino all’etichettatura, al fine di fornire una garanzia credibile al consumatore finale.
[…] valuta la lavorazione e la produzione di tessuti sulla base di criteri ambientali e sociali. Ciò significa valutare tutto, dagli input chimici utilizzati al trattamento etico dei lavoratori.
[…] Per ottenere la certificazione GOTS, è obbligatorio soddisfare tutti i criteri.

✓ sicurezza dei consumatori
✓ processo sostenibile
✓ materiale biologico
✓ trattamento equo dei lavoratori

✗ caratteristiche del prodotto finale

Ho scritto l’ultimo punto negativo in quanto mi è capitato di lavorare con tessuti GOTS.
Pur essendo a mio avviso il miglior standard di certificazione in materia di ambiente e responsabilità sociale, non garantisce la qualità del tessuto finale in termini di morbidezza e corposità.
Ho lavorato con tessuti non biologici o certificati con un tocco molto migliore sulla pelle.

RWS & RMS

[…] garantisce che lana e mohair provengano da allevamenti con un approccio progressivo alla gestione della terra, e da pecore e capre che sono state trattate in modo responsabile; crea un punto di riferimento del settore che guiderà miglioramenti nella cura degli animali, nella gestione del territorio e nel benessere sociale ove necessario e fornisce un solido sistema di catena di custodia dall’azienda agricola al prodotto finale.
[…] L’agricoltore dimostra buone pratiche in materia di assunzione equa, priva di discriminazioni e intimidazioni e combatte direttamente i fattori di rischio per il lavoro forzato.

✓ processo sostenibile
✓ benessere degli animali
✓ trattamento equo dei lavoratori

Queste erano alcune delle certificazioni tessili più comuni ma ce ne sono tantissime e un post solo non basta per parlare di tutto.
Tuttavia spero di aver chiarito un po’ il funzionamento generale e di avervi incuriosito e spinto a informarvi meglio.